Classificazione acustica del territorio comunale - Legge n. 447/1995
  • Acustica
    Acustica edilizia, ambientale, industriale. Rilievi, indagini strumentali e consulenza tecnica.

Classificazione acustica del territorio comunale

Legge n. 447/1995 – Classificazione acustica del territorio comunale

Contesto normativo e riferimenti di legge

La classificazione acustica è realizzata in attuazione alla Legge n. 447 26/10/1995 “Legge quadro sull’inquinamento acustico” e consiste nella suddivisione del territorio comunale in zone acustiche con l’assegnazione, a ciascuna di esse, di una delle sei classi indicate nella Tabella A del DPCM 14/11/1997:

Classe IAree particolarmente protette: rientrano in questa classe le aree nelle quali la quiete rappresenta un elemento di base per la loro utilizzazione: aree ospedaliere, scolastiche, aree destinate al riposo ed allo svago, aree residenziali rurali, aree di particolare interesse urbanistico, parchi pubblici, ecc.
Classe IIAree destinate ad uso prevalentemente residenziale: rientrano in questa classe le aree urbane interessate prevalentemente da traffico veicolare locale, con bassa densità di popolazione, con limitata presenza di attività commerciali ed assenza di attività industriali e artigianali.
Classe IIIAree di tipo misto: rientrano in questa classe le aree urbane interessate da traffico veicolare locale o di attraversamento, con media densità di popolazione, con presenza di attività commerciali, uffici, con limitata presenza di attività artigianali e con assenza di attività industriali; aree rurali interessate da attività che impiegano macchine operatrici.
Classe IVAree di intensa attività umana: rientrano in questa classe le aree urbane interessate da intenso traffico veicolare, con alta densità di popolazione, con elevata presenza di attività commerciali e uffici, con presenza di attività artigianali; le aree in prossimità di strade di grande comunicazione e di linee ferroviarie; le aree portuali, le aree con limitata presenza di piccole industrie.
Classe VAree prevalentemente industriali: rientrano in questa classe le aree interessate da insediamenti industriali e con scarsità di abitazioni.
Classe VIAree esclusivamente industriali: rientrano in questa classe le aree esclusivamente interessate da attività industriali e prive di insediamenti abitativi.

 DPCM 14/11/1997-  Tabella A

La Legge 447/95, all’art. 4 (Competenze delle Regioni), assegna come principale competenza delle Regioni la fissazione dei “criteri in base ai quali i comuni, [..] tenendo conto delle preesistenti destinazioni d’uso del territorio [..], procedono alla classificazione del proprio territorio nelle zone previste dalle vigenti disposizioni”

Inoltre all’art. 6 (Competenze dei Comuni) viene richiesto lo stretto coordinamento tra gli strumenti della pianificazione urbanistica e la zonizzazione, nell’evidente intento di legare la programmazione urbanistica del territorio ad una sua programmazione acustica.

Obiettivi

La classificazione acustica fornisce il quadro di riferimento per valutare i livelli di rumore presenti o previsti nel territorio comunale e quindi la base per programmare interventi e misure di controllo o riduzione dell’inquinamento acustico. Infatti, gli obiettivi principali di questo strumento possono essere così descritti:

  • prevenire il deterioramento di aree non inquinate dal punto di vista acustico;
  • risanare quelle aree dove sono riscontrabili livelli di rumorosità superiori ai valori limite;
  • favorire una corretta pianificazione di nuove aree di sviluppo garantendo la tutela dall’inquinamento acustico;
  • valutare la compatibilità di nuovi insediamenti o infrastrutture in aree già urbanizzate.

Sviluppo del servizio

Le principali fasi di lavoro previste, variabili in accordo con i referenti delle amministrazioni coinvolte, sono i seguenti:

  • analisi nel dettaglio del Piano di Governo del Territorio (PGT) e di eventuali ulteriori strumenti urbanistici;
  • individuazione e localizzazione in particolare di:
    • impianti industriali significativi;
    • ospedali, scuola, parchi e aree protette;
    • distribuzione sul territorio di attività commerciali, artigianali e terziarie significative dal punto di vista acustico;
    • principali assi stradali e linee ferroviarie
  • eventuale acquisizione di dati acustici relativi al territorio, anche mediante una adeguata campagna di indagine;
  • ai sensi di quanto previsto dall’art. 6 della L. 447/1995 e dai dispositivi regionali (Competenze dei comuni), confronto con i referenti delle amministrazioni coinvolte, ai fini della definizione puntuale delle regole acustiche che si intendono adottare, con particolare con riferimento (ad esempio) ad attività temporanee (musicali e/o di cantiere), manutenzione del verde, ecc.).
  • prima elaborazione del piano di classificazione acustica, con conseguente verifica della coerenza tra la classificazione acustica ipotizzata e la situazione rilevata, al fine di evidenziare l’eventuale necessità di adottare piani di risanamento acustico;
  • discussione e confronto nel merito con le parti interessate;
  • formalizzazione del piano di classificazione acustica, costituito in particolare da una relazione tecnica contenente un resoconto dettagliato delle attività svolte, dei flussi di lavoro che hanno determinato il risultato finale, dell’eventuale regolamento acustico o NTA (norme tecniche di attuazione) ed elaborati grafici e planimetrie in scala opportuna.

Acustica - Aree di intervento

  • Valutazione progettuale delle prestazioni acustiche (requisiti acustici passivi, isolamento acustico o fonoisolamento) di un edificio, conformemente a quanto richiesto dal DPCM 05/12/1997, sulla base dei dati progettuali disponibili.
  • Verifica in opera delle prestazioni acustiche di un edificio (requisiti acustici passivi, isolamento acustico o fonoisolamento - collaudo) conformemente al DPCM 05/12/1997, mediante rilievi strumentali e successiva caratterizzazione nonchè stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Acustica degli ambienti interni:
    • analisi degli ambienti e caratterizzazione acustica strumentale;
    • valutazione di possibili proposte migliorative;
    • progettazione acustica e simulazione del comportamento acustico post - intervento.
  • Valutazione previsionale dell'impatto acustico prodotto da un'opera o attività, basato su rilievi fonometrici per la caratterizzazione dello stato di fatto e successiva stima della situazione prevista (emissione di rumore) con stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Verifica di impatto acustico di un'opera esistente mediante esecuzione di rilievi fonometrici, caratterizzazione dell'impatto acustico e stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Valutazione previsionale del clima acustico in una determinata area in relazione ad un'opera o attività, basato su rilievi fonometrici (acquisizione dei parametri descrittivi del livello di rumore) per la caratterizzazione dello stato di fatto e successiva stima della situazione prevista con stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Verifica di clima acustico di una situazione esistente mediante esecuzione di rilievi fonometrici, caratterizzazione dell'impatto acustico e stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Classificazione acustica del territorio comunale ai sensi del la L. 447/95, mediante la caratterizzazione della situazione acustica esistente, l'analisi degli strumenti urbanistici vigenti e delle previsioni di sviluppo; elaborazione della documentazione tecnica e cartografica.
  • Stesura di regolamenti acustici o regolamenti per le attività in deroga.
  • Verifica delle caratteristiche di emissione sonora di macchine e apparecchiature, conformemente a quanto richiesto dalla direttiva macchine o da norme tecniche specifiche, orientata in particolare alla valutazione del livello di pressione sonora al posto operatore e della potenza sonora emessa dalla macchina.
  • Valutazione dell'esposizione a rumore ai sensi del DLgs 81/2008 mediante rilievi in ambiente di lavoro, calcolo del livello di esposizione e stesura della relazione tecnica di valutazione firmata da tecnico abilitato in acustica.
{ "@context": "http://schema.org", "@type": "Organization", "url": "http://www.syrios.it", "logo": "http://www.syrios.it/wp-content/uploads/2015/10/Logo-Syrios.png" }