Acustica: costi aggiuntivi?!? - Syrios.it
  • Acustica
    Acustica edilizia, ambientale, industriale. Rilievi, indagini strumentali e consulenza tecnica.

Acustica: costi aggiuntivi?!?

Comfort acustico: opportunità o necessità?

Nell’ultimo decennio l’evoluzione nel campo della progettazione edilizia è stata notevole.

Forti mutamenti prima a livello di indirizzo e poi di trasformazione normativa hanno un po’ alla volta determinato una importante evoluzione a livello di tipologie costruttive, di soluzioni e (quale obiettivo) di prestazioni dell’edificio sotto il profilo statico, sotto il profilo termico e di fabbisogno energetico, nonché sotto il profilo delle prestazioni acustiche. Sempre di più la progettazione edilizia richiede una forte intersezione di competenze diverse per definire le caratteristiche strutturali di edifici che devono garantire performance sempre più stringenti. Parallelamente, la domanda di comfort abitativo cresce, sotto la spinta dei media e sotto la spinta commerciale da parte dei sempre più numerosi operatori economici produttori di beni e di servizi specifici per l’edilizia. Anche in questo caso la necessità è quella di snellire il più possibile la fase progettuale cercando di contenerne un incremento di costi. Ma anche in questo caso rimanere legati al passato non è possibile; non si può fare a meno di cogliere questa fase se non come opportunità, quantomeno come necessità, per realizzare edifici conformi e soddisfare una richiesta edilizia che non va più nella direzione della quantità, bensì della qualità.

Benessere acusticoCostruire edifici “di qualità” sotto il profilo acustico significa partire dalla messa a punto delle soluzioni a livello di progetto, passando attraverso la verifica delle fasi di messa in opera, per potersi garantire il necessario risultato adeguato in sede di verifica. Nessuna fase può essere considerata scontata ed in particolare il risultato, che per ovvi motivi non può non essere raggiunto, passa attraverso una analisi attenta delle soluzioni e un approccio tutt’altro che superficiale. Ma è garanzia di conformità e di soddisfazione per il cliente. In particolare l’aspetto acustico (forse più di tutti) può rappresentare il “metro di misura” della qualità di un edificio, data l’elevata sensibilità al rumore, che in ambito abitativo rappresenta uno dei principali elementi di fastidio quando raggiunge livelli elevati.

Tranquillità e benessere acustico da un lato, comfort termico e costo di manutenzione dall’altro, sono requisiti essenziali per uno stile di progettazione lungimirante, di garanzia e soddisfazione per chi progetta, chi costruisce e chi abita.

Acustica - Aree di intervento

  • Valutazione progettuale delle prestazioni acustiche (requisiti acustici passivi, isolamento acustico o fonoisolamento) di un edificio, conformemente a quanto richiesto dal DPCM 05/12/1997, sulla base dei dati progettuali disponibili.
  • Verifica in opera delle prestazioni acustiche di un edificio (requisiti acustici passivi, isolamento acustico o fonoisolamento - collaudo) conformemente al DPCM 05/12/1997, mediante rilievi strumentali e successiva caratterizzazione nonchè stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Acustica degli ambienti interni:
    • analisi degli ambienti e caratterizzazione acustica strumentale;
    • valutazione di possibili proposte migliorative;
    • progettazione acustica e simulazione del comportamento acustico post - intervento.
  • Valutazione previsionale dell'impatto acustico prodotto da un'opera o attività, basato su rilievi fonometrici per la caratterizzazione dello stato di fatto e successiva stima della situazione prevista (emissione di rumore) con stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Verifica di impatto acustico di un'opera esistente mediante esecuzione di rilievi fonometrici, caratterizzazione dell'impatto acustico e stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Valutazione previsionale del clima acustico in una determinata area in relazione ad un'opera o attività, basato su rilievi fonometrici (acquisizione dei parametri descrittivi del livello di rumore) per la caratterizzazione dello stato di fatto e successiva stima della situazione prevista con stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Verifica di clima acustico di una situazione esistente mediante esecuzione di rilievi fonometrici, caratterizzazione dell'impatto acustico e stesura di relazione tecnica illustrativa.
  • Classificazione acustica del territorio comunale ai sensi del la L. 447/95, mediante la caratterizzazione della situazione acustica esistente, l'analisi degli strumenti urbanistici vigenti e delle previsioni di sviluppo; elaborazione della documentazione tecnica e cartografica.
  • Stesura di regolamenti acustici o regolamenti per le attività in deroga.
  • Verifica delle caratteristiche di emissione sonora di macchine e apparecchiature, conformemente a quanto richiesto dalla direttiva macchine o da norme tecniche specifiche, orientata in particolare alla valutazione del livello di pressione sonora al posto operatore e della potenza sonora emessa dalla macchina.
  • Valutazione dell'esposizione a rumore ai sensi del DLgs 81/2008 mediante rilievi in ambiente di lavoro, calcolo del livello di esposizione e stesura della relazione tecnica di valutazione firmata da tecnico abilitato in acustica.