Sollevamento, traino e spinta, movimenti ripetitivi – Valutazione dei rischi
  • Salute e sicurezza sul lavoro
    Check-up, valutazione dei rischi, indagini strumentali, formazione, assistenza completa e affiancamento costante.

Ergonomia: movimentazione manuale dei carichi, movimenti ripetitivi

Sollevamento, traino e spinta, movimenti ripetitivi – Valutazione dei rischi

Ai sensi dell’articolo 168 del D.Lgs 81/08, il datore di lavoro è tenuto ad adottare le misure necessarie e i mezzi appropriati per evitare la necessità di una movimentazione manuale dei carichi (intesa come qualsiasi attività che comporti operazioni di trasporto e/o di sostegno di un carico) per opera di uno o più lavoratori.

MMC - movimentazione manuale dei carichiQualora ciò non fosse possibile, il datore di lavoro valuta le condizioni di sicurezza e di salute connesse al lavoro in questione al fine di evitare o ridurre i rischi di patologie dorso-lombari, adottando misure adeguate e tenendo conto dei fattori individuali di rischio, delle caratteristiche dell’ambiente di lavoro e delle esigenze che tale attività comporta.

Lo stesso articolo 168 fa riferimento alle norme tecniche di rilievo per la movimentazione manuale dei carichi e ad altri strumenti di indirizzo utilizzabili per la valutazione dei rischi:

  • UNI ISO 11228-1 (Sollevamento e trasporto);
  • UNI ISO 11228-2 (Spinta e traino);
  • UNI ISO 11228-3 (Movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza);
  • UNI EN 1005-2 (Movimentazione manuale di macchinario e di parti componenti il macchinario).

I nostri servizi

Facendo riferimento alle metodologie proposte dalle norme tecniche di riferimento il nostro studio è in grado di supportare i propri clienti nella valutazione dei rischi derivanti alla movimentazione manuale dei carichi conformemente a quanto previsto dagli standard internazionali, passando attraverso i seguenti step operativi:

  • analisi preliminare svolta direttamente sul luogo di lavoro con lo scopo di effettuare un primo screening delle attività svolte in modo da verificare la necessità o meno di proseguire con un’analisi più approfondita;
  • analisi approfondita dei rischi presenti applicando la metodologia proposta dalla norma tecnica UNI ISO 11228 (parti 1, 2 e 3) che prevede il calcolo dell’indice di sollevamento in funzione della postura assunta, delle caratteristiche del carico da movimentare, del tragitto da compiere, ecc.;
  • [eventuale] analisi strumentale effettuata mediante dinamometro per il calcolo delle forze in gioco (previste solo in caso di attività di traino e spinta);
  • definizione delle misure tecniche e organizzative di contenimento del rischio.

Salute e sicurezza - Aree di intervento

  • Assistenza completa alle aziende in merito a tutti gli adempimenti di legge nonché ai problemi gestionali e alle procedure di lavoro relative agli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro. Assistenza nel caso di sopralluoghi o richieste da parte degli enti di controllo.
  • Check - up dettagliati di verifica della situazione di conformità normativa e inerente gli aspetti gestionali.
  • Indicazioni per l'adeguamento, predisposizione della documentazione, stesura di report dettagliati con indicazione delle priorità.
  • Controllo costante delle scadenze di legge, aggiornamento periodico, verifica periodica in azienda.
  • Risposta a quesiti specifici e assistenza nel rapporto con gli enti di controllo.

  • Valutazione generale dei rischi
  • Valutazione dei rischi specifici (movimentazione manuale da sollevamento o traino/spinta, movimenti ripetitivi, ecc.)
  • Indagini strumentali a supporto delle attività di valutazione agenti fisici (rumore, vibrazioni, radiazioni ottiche, campi elettromagnetici)
  • Indagini strumentali a supporto della attività di valutazione agenti chimici

  • Assunzione diretta dell'incarico di RSPP esterno, come previsto  DLgs 81/2008, per tutti i macrosettori di attività.
  • Sopralluoghi periodici di verifica della situazione aziendale, aggiornamento e controllo
  • Partecipazione alla riunione periodica prevista dal DLgs 81/2008

  • Predisposizione del Piano Operativo di Sicurezza (POS) e della documentazione necessaria
  • Assunzione dell'incarico di Coordinatore per la Sicurezza in fase di Progettazione
  • Assunzione dell'incarico di Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione

  • Formazione generale e specifica dei lavoratori, dei dirigenti e dei preposti ai sensi del DLgs 81/2008 e degli accordi Stato - Regioni
  • Formazione degli addetti pronto soccorso, ai sensi del DM 388/2003
  • Formazione degli addetti antincendio ai sensi del DM 10/03/1998
  • Formazione degli addetti all'uso di attrezzature, ai sensi del DLgs 81/2008 e degli accordi Stato - Regioni
  • Assistenza per la presentazione delle pratiche di prevenzione incendi o per l'ottenimento del Certificato di Prevenzione incendi
  • Valutazione del rischio di incendio
  • Predisposizione del Piano di Emergenza, relative procedure e istruzioni operative
  • Formazione della squadra emergenze
  • Predisposizione delle planimetrie di emergenza
  • Assistenza nell'esecuzione delle prove di emergenza annuali previste dal DLgs 81/2008